5 tendenze che hanno trasformato il mondo del Retail e della GDO

I grandi marketplace online, come Amazon, e le nuove tecnologie stanno cambiando le abitudini di acquisto dei consumatori, sempre più consapevoli e attenti nel processo d’acquisto anche offline.

In passato i centri commerciali erano pieni di negozi affollati, diventando un vero e proprio luogo d'incontro, con ingenti guadagni per gli esercenti. L'avvento sempre più forte degli e-commerce hanno mutato gli affari, con un drastico calo di acquisti, ma non è ancora arrivata l'apocalisse del commercio al dettaglio.

Le preferenze dei consumatori stanno cambiando, ma i recenti progressi tecnologici hanno permesso ai rivenditori di trovare nuove opportunità di business in grado di rendere interessante e appagante l'esperienza d'acquisto del cliente lungo la sua buyer's journey. In un panorama incerto la chiave del successo per i retailer è l’evoluzione costante, che permetterà di adattarsi velocemente alle continue trasformazioni del mercato.

Vediamo insieme quali sono le cinque tendenze che, negli ultimi anni, hanno trasformato l'industria del commercio al dettaglio e della grande distribuzione

 

1) Esperienze, non solo prodotti

Ogni persona è la somma delle proprie esperienze, che sono radicate nella nostra identità. Raccontare il proprio vissuto con le persone ha anche la capacità di stringere forti legami, soprattutto se si condividono esperienze simili. In quest'ottica, ad esempio, si sono mosse Nordstrom e Sephora's, creando negozi speciali.

La catena di grandi magazzini statunitense Nordstrom ha aperto negozi dove si hanno a disposizione degli stylist personali, che curano gli outfit per i clienti e cercano di trovare il look perfetto. Questi moderni store hanno a disposizione un bar, manicure e sartoria. È inoltre disponibile il servizio "Acquista online, ritiro in negozio", con la consegna in giornata per i clienti che effettuano l'acquisto prima delle 14:00.

Un'altra catena all'avanguardia del mondo retail, già vincitrice del "Retail of the Year 2018", è Sephora. Questo retailer del beauty offre, anche in Italia, servizi one-to-one su richiesta, come mini trattamenti per il viso di 15 minuti e makeover di 45 minuti nell'ottica di offrire esperienze sempre più personalizzate. Oltre a veri e propri beauty bar, Sephora offre lezioni di gruppo di make up per arricchire e nutrire il cliente, seguendo i migliori approcci di Inbound Marketing anche negli spazi fisici.

Sephora trend 2019

 

 

2) Internet of Things 

L'Internet of Things (IoT) permette di collegare più di 11 miliardi di oggetti di uso quotidiano ad Internet, come Tv, automobili e altoparlanti. I rivenditori possono raccogliere un'enorme quantità di dati sul modo di utilizzare i prodotti dei loro clienti. Tutto questo permette di inviare messaggi di marketing rilevanti ai clienti, ad ogni fase del processo d'acquisto. 

La catena della grande distribuzione statunitense Macy's ha sfruttato l'Internet of Things facendo delle campagne di proximity marketingLo scopo di Macy's è quello di rendere lo shopping più semplice, economico e conveniente

Questo retailer del fashion utilizza già da qualche anno la tecnologia beacon (dispositivi Bluetooth), per inviare messaggi promozionali sugli smartphone dei clienti che si trovano nelle vicinanze dei suoi storeI beacon permettono di individuare la tua posizione nel negozio, inviando offerte contestualizzate al reparto che stai visitando ed ai brand che ti sono piaciuti online. 

 

Macys-iBeacon

 

3) Bot di Facebook

Aziende e clienti si scambiano oltre 8 miliardi di messaggi Facebook al mese, e il settore retail è al secondo posto per il più alto numero di messaggi. Facebook Messanger è uno dei canali più popolari e utilizzati dai clienti della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) per la ricerca e l'acquisto di prodotti. 

I consumatori preferiscono fare acquisti con le aziende che possono conversare con loro non solo nel punto vendita, ma anche tramite messaggi diretti su Facebook. È fondamentale per i rivenditori configurare bot di Messenger in grado di gestire interazioni, come conversazioni di benvenuto e di assistenza sui prodotti.

Alcuni dei più grandi brand di vendita al dettaglio utilizzano già i bot di Facebook Messenger per assistere ed accelerare il processo di acquisto. Tra i casi di maggior successo c'è H & M bot, che permette di personalizzare gli outfit e poi acquistarli. Invece 1-800-Flowers Messenger bot permette di ordinare e spedire fiori in meno di cinque minuti.

 

HM bot messanger

 

4) Cognitive computing 

Il cognitive computing è una nuova tecnologia in grado di analizzare enormi quantità di dati nello stesso modo in cui gli esseri umani pensano, ragionano e ricordano. Con questa nuova opportunità tecnologica le persone possono naturalmente interagire con la tecnologia ed estrarre suggerimenti basati sui dati. 

Questa tecnologia, grazie all'installazione di specifici computer e robot nei negozi, permette di comprendere il linguaggio naturale e rispondere con precisione alle domande più frequenti della clientela. In questo modo i dipendenti possono aiutare clienti che hanno esigenze urgenti, offrendo un servizio clienti migliore e più rapido.

Hilton Hotels ha presentato già nel 2016 il suo primo robot di concierge, Connie, in grado di aiutare gli ospiti a trovare le migliori attrazioni e ristoranti della zona. Connie può anche muoversi e dirigere i clienti verso qualsiasi punto dell'hotel. Con l'assistenza di Connie, i dipendenti della reception dell'Hilton Hotel possono concentrarsi su attività più importanti, come il check-in degli ospiti.

 

connie hilton cognitive computing

 

5) Realtà aumentata

I grandi brand dell'arredamento hanno compreso che i loro clienti hanno bisogno di vedere come i mobili che vogliono comprare si abbinano con l'estetica della stanza. In questo modo si eviterà l'imbarazzo di avere in casa dei mobili che non sono adatti al resto dell'arredamento ed evitare di prendere decisioni d'acquisto sbagliate.

Grandi brand come IKEA e Wayfair hanno sviluppato un'app che, grazie alla realtà aumentata ,è in grado di posizionare oggetti d'arredamento 3D nelle proprie case. Tutti i mobili digitali sono mostrati dalla fotocamera dello smartphone, in grado di adattarsi alle dimensioni della stanza e osservabili da qualsiasi angolazione. In questo modo si può avere un'idea di come sarà arredata la stanza con i nuovi mobili.

 IKEA realtà aumentata

 


Il settore del commercio al dettaglio continuerà a evolversi ad una velocità vertiginosa, l'integrazione con le nuove tecnologie è indispensabile. Vai sulla pagina Sviluppo Software, dai un'occhiata a quello che facciamo e se hai una buona idea da sviluppare prendi un appuntamento con il nostro team di programmatori. 

Vai alla sezione Sviluppo Software