Cosa e quali sono i contenuti di un sito web?

Nell'ambito del digital marketing si sente parlare sempre più spesso di contenuti per il web, ma che cosa si intende esattamente? Una breve guida alla scoperta delle diverse tipologie.


I contenuti sono l'elemento cardine del web marketing: è tutto ciò che desideriamo quando navighiamo in Internet alla ricerca di qualcosa che soddisfi i nostri specifici bisogni informativi, di intrattenimento o commerciali. Per questo, per essere trovati nel mare di internet, è fondamentale rendere tutti gli elementi testuali, visivi e audio il più possibile ottimizzati per i motori di ricerca.

L'ottimizzazione dei contenuti per i motori di ricerca è fondamentale per raggiungere l'obiettivo di avere un sito con numerose visualizzazioni e successive conversioni alla vendita. Se vogliamo farci trovare dal pubblico giusto, e magari farlo diventare un cliente abituale, dobbiamo cercare di mettere in atto i comportamenti SEO per tentare di arrivare alla prima pagina dei risultati di Google.

  

Leggi i 10 consigli per fare SEO nel 2020 e poi approfondisci sul tema scaricando la guida con i 10 fattori SEO per ottimizzare il tuo sito web. Clicca qui sotto!

Scarica la guida "10 fattori SEO per ottimizzare il tuo sito web".

 

Tipologie di contenuti web

La prima cosa che viene in mente quando si sente parlare di contenuti web è un testo scritto. In effetti questo è il contenuto principale per il web, ma non è l'unico.  Oramai abbiamo la possibilità di creare contenuti multimediali e di diffonderli in rete. Le tipologie di contenuti che si possono trovare online sono:

  • Testuali. Rientrano in questa categoria, su tutti, i contenuti prodotti per i siti web, i blog e gli articoli nei portali d'informazione.

    Un testo per il web deve rispondere alle regole del buon copywriting, con un linguaggio chiaro, scorrevole e accattivante. Non bisogna dimenticare, inoltre, che dovrà essere coerente con lo stile del sito, blog o portale in cui verrà condiviso, rilevante per il proprio target e, soprattutto, che potrà essere letto tanto da desktop quanto da mobile.

  • Immagini. Sono i contenuti multimediali più diffusi (anche grazie ai social come Instagram e Pinterest) e spesso vengono accompagnati da un testo scritto. Oltre alle semplici foto e alle grafiche, ci sono anche contenuti più complessi come le GIF e le infografiche.

    Le GIF (o GIFs; Graphics Interchange Format) sono immagini in movimento, della durata di pochi secondi.  Le infografiche, invece, sono immagini in grado di riassumere graficamente informazioni e statistiche, con lo scopo di rendere facilmente comprensibili argomenti complessi ad un pubblico di non esperti.

  • Video. Se inquadrati nella giusta ottica di marketing, i video sono un contenuto potentissimo e potenialmente virale. L'obiettivo da perseguire tramite i video è quello di veicolare i valori della propria azienda, attraendo e mantenendo un pubblico interessato ai prodotti/servizi e cercando di far compiere una determinata azione al cliente nel proprio sito/e-commerce. Un video di qualità per il marketing è: originale, coerente con la comunicazione dell'azienda, lavorato in post-produzione e virale.

    Potrebbe interessarti anche l'articolo

    Perché realizzare video aziendali e diffonderli In Facebook ed Instagram.

  • Audio. Infine ci sono i contenuti audio, come le tracce audio di approfondimento ai contenuti testuali. Questi sono brevi programmi audio, distribuiti in formato digitale. Un buon contenuto audio per il web deve essere: originale, rilevante per il proprio target di riferimento, senza rumori di disturbo e coinvolgente.

 

 

Approfondisci sull'utilizzo dei contenuti in una strategia cliccando qui sotto!

Cos'è il Content Marketing

 

I contenuti web non sono solo quelli all'interno del tuo sito

Quando crei dei contenuti non pensare solo ad avere delle pagine ben scritte nel sito web, con delle belle immagini. Tutto è condivisibile in rete, non te ne dimenticare. 

I contenuti web sono presenti anche su molte altre piattaforme: dal post su Facebook alla foto su Instagram, senza dimenticare la possibilità di partecipazione a forum fino alle schede di Google My Business. Non puoi trascurare nessun canale, perché il potenziale cliente può venire a contatto con la tua azienda tramite una o più di queste strade.

Con così tanti canali a disposizione, la coerenza è molto importante. Sembra banale, ma in realtà capita più spesso di quello che si pensi di trovare informazioni diverse, colori non coordinati, promozioni non comunicate uniformemente nei vari contenuti web.

Oltre alla coerenza, conto molto l'originalità: perché il potenziale cliente dovrebbe impiegare il suo (poco) tempo a leggerti se non hai nulla da dirgli? Vediamo quindi 3 punti base da tenere sempre a mente.

 

Contenuti Web Brain-1

 

3 consigli per avere dei contenuti web di qualità

Ci sono degli elementi che accomunano tutti quei contenuti in rete che ci piacciono, e per questo li troviamo sempre nella parte alta della SERP (Search Engine Results Page) di Google. Vogliamo darti 3 consigli per avere dei contenuti web di qualità, al di fuori della SEO.  

  1. Il contenuto deve essere facilmente fruibile. Chi naviga nel web ha un basso livello d'attenzione e salta da una pagina all'altra. Il contenuto web che funziona è quello che viene dato a piccoli morsi, concentrando le informazioni chiave in pillole veloci e stimolino la curiosità dell'utente a saperne di più.

  2. Il contenuto deve essere condivisibile. Il coinvolgimento, l'interazione e l'interattività degli utenti sono indispensabili indifferentemente dal tipo di contenuto che si vuole diffondere. Un messaggio condivisibile innesca interazioni e scambi, anche tra diversi social media. Un contenuto condiviso acquista una visibilità esponenziale facendo conoscere la propria azienda ad un ampio pubblico.

  3. Il contenuto veicola la reputazione dell'azienda. I contenuti rivestono un ruolo fondamentale sia nel determinare il valore di un sito sia nel rappresentare il primo veicolo di reputazione e relazione per l'azienda. Sono i contenuti e il modo in cui sono presentati a persuadere l'utente e a fargli compiere una determinata azione (un acquisto, la compilazione di un form, iscrizione a una newsletter). 


Bisogna cercare di prevedere di quali contenuti web i propri clienti effettivi e potenziali potrebbero ricercare, e fare in modo di posizionarli nella prima pagina di Google. L'approccio dell'Inbound Marketing è quello migliore per attirare il cliente verso il nostro sito. Vuoi saperne di più? Approfitta di una consulenza gratuita!

Richiedi una consulenza gratuita per chiarire i tuoi dubbi sull'Inbound  Marketing