SEO: come e quanto influirà la ricerca vocale? (Parte 1)

Come vengono trovate le aziende sui motori di ricerca? Come rendersi più visibili? Queste le domande frequenti che pongono i clienti che si rivolgono alla nostra agenzia web per temi legati alla SEO.


Il posizionamento sui motori di ricerca è un tema affrontato più volte, ma non si può mai dire di aver finito di conoscerlo. I miglioramenti e le novità in campo SEO sono frequenti e vanno monitorati. Uno degli elementi da tenere sotto controllo è il diffondersi dell'uso della ricerca vocale (o Voice Search). Cosa cambia per chi effettua la ricerca e, di riflesso, per le aziende che vogliono avere un buon posizionamento SEO?


Potrebbe interessarti anche l'articolo Web marketing per la crescita: il caso di MP Executive Search srl nel quale presentiamo un caso concreto di ottimizzazione SEO. Cerchi qualcosa di simile?

Contattaci, senza impegno


Pensiamo innanzitutto a come l'utente effettua una ricerca.

Se digita le parole sul dispositivo, si esprimerà in modo non naturale, cioè eliminando le congiunzioni, non coniugando i verbi e via dicendo. L'utente scriverà quindi, se vuole per esempio sapere che tempo farà ad Imola, tempo Imola.

Utilizzando invece la ricerca vocale, l'utente può esprimersi in maniera naturale e, quindi, detterà al sistema di ricerca vocale "che tempo farà domani ad Imola?".

 

La ricerca vocale è quindi un nuovo meccanismo che permette:

  • da parte dell'esperto marketing di capire in maniera più precisa quale sia l'intento di chi effettua la ricerca.
  • per l'utente si tratta di un metodo di ricerca più veloce e che richiede meno attenzione e sforzo.

 

Alcuni vantaggi:

  • nella ricerca vocale le domande successive sono collegate alle ricerche precedenti: se si chiede "dov'è il Tower Bridge" e, in seguito, si domanda "chi l'ha costruito?", si otterrà come risposta chi ha costruito il Tower Bridge, senza dover specificare il soggetto anche nella seconda richiesta;
  • contestualizzazione delle ricerche in base alla propria posizione: se ci si trova al centro congressi di Imola e si vuole andare all'aeroporto di Bologna, dettando alla ricerca vocale "quanto distante è l'aeroporto dal centro congressi", il dispositivo capirà che intendiamo il convention center di Imola e non un altro;
  • contestualizzazione in base alle pagine web aperte sul proprio dispositivo: se nel proprio cellulare si sta consultando una pagina che riguarda Brad Pitt, e poi si chiede a Voice Search "mostrami foto di Brad", verranno mostrate foto di quel determinato personaggio perché le due ricerche vengono collegate.

 

Nella seconda parte dell'articolo, trarremo le conclusioni sugli impatti della ricerca vocale e capiremo come sfruttare al meglio quest'innovazione.